Logo_S&L

ECOLOGIA

Edilizia sostenibile

Con tale termine si intende un’edilizia che tende a soddisfare ogni bisogno dell’attuale generazione, ma senza limitare la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie. Si tratta di un processo che promuove lo sviluppo economico salvaguardando la salute dei singoli, della società e dell’ecosistema. Identifica il progressivo adeguamento al principio di sostenibilità del modo di costruire e di trasformare il territorio.

Abbiamo perciò pensato di utilizzare il legno come materiale strutturale in modo da rispondere ad una scelta naturale per una edilizia sostenibile. Infatti i principi generali su cui essa si basa sono:

  • l'utilizzo di materiali rinnovabili, traspiranti e gradevoli al tatto e viceversa la riduzione del consumo di risorse non rinnovabili;
  • la riduzione del consumo di energia in tutte le fasi del ciclo di vita dell’edificio: produzione, trasporto, costruzione, esercizio, demolizione e smaltimento;
  • la minimizzazione dell’impatto su suolo, acqua ed aria in tutte le fasi del ciclo di vita dell'edificio;
  • rendere facili le rimozioni, sostituzioni o integrazioni;
  • minimizzare l'inquinamento dell’ambiente abitato e i possibili danni alla salute degli occupanti.

Per queste ragioni il legno strutturale in edilizia è un prodotto valido sia per la tecnica di produzione sia per il rispetto dell'ambientale che per l'ambiente in cui si vive; ovvero è ecosostenibile. Alla Sistemi & Legno abbiamo creduto fin dall'inizio in questo materiale, infatti sono ormai più di 10 anni che costruiamo con il sistema X-LAM di legno massiccio a tavole incrociate.

Produzione e smaltimento

Ci preme evidenziare alcuni aspetti legati all’ambiente ed alla sua tutela: Il legno, è un materiale naturale ed una delle energie rinnovabili, richiede un basso contenuto di energia durante la fase di produzione ed è biodegradabile oltre che facilmente inseribile nel processo di rigenerazione.

Per l'uso industriale, il legname viene sottoposto a processi meccanici quali la segagione, che avvengono soprattutto in fase di invecchiamento, permettendo alle piante giovani di trasformare anidride carbonica in ossigeno, attraverso la fotosintesi clorofilliana. A confronto con materiali metallici, plastici o cementizi, gli elementi strutturali in legno richiedono poca energia primaria per essere prodotti. Assumendo come unità di misura le MJ/ton: il valore per le strutture in legno è 1, per il cemento armato 4, per il laterizio 6, per l’acciaio 60.

Nel ciclo completo di vita di una costruzione, lo smaltimento e il relativo riciclaggio dei rifiuti di una struttura in legno costituisce un onere minore rispetto ad altre tecnologie costruttive, se non addirittura una risorsa, laddove è possibile riutilizzarlo in altre forme. Alla luce di quanto visto sopra abbiamo deciso di scegliere il legno quale materiale per costruire le strutture portanti delle pareti, del tetto e dei solai.

Microclima interno

Quanto visto sopra, anche se illustrato brevemente, può iniziare a far intuire che la filosofia con la quale costruiamo è un passo avanti rispetto a quella tradizionale. Con la corretta scelta di: materiali, tecniche costruttive e di progettazione, si può ottenere un'abitazione che rispetto all'edilizia tradizionale, permette di migliorare la propria qualità della vita attraverso il miglioramento dell'ambiente sia interno che esterno.

La soluzione finale sarà scelta in accordo con il progettista ed il cliente. Questa sarà tagliata su misura del cliente che andrà ad abitarvi, azzardando un paragone con gli abiti, sarà su misura per il taglio e per la scelta dei materiali da impiegare.

Costi di produzione

Fonte: Wikipedia

                                                                                                                                                                                     TORNA ALLA HOMEPAGE